Home | Chi Siamo | the current us economic outlook | the buddhist conception of emptiness | cars and their enemies essay
  http://www.umbriameteo.com/index.php/theology-of-worship/ | Servizi | Bollettino Meteo | Editoriale | News | Partner | Contatti

EDITORIALE 20/05/2019

Ultime due perturbazioni poi s’intravede una fase anticiclonica con clima estivo.

Questi primi cinque mesi del 2019 hanno ancora una volta sottolineato, ce ne fosse stato il bisogno, alcuni punti fermi in meteorologia e climatologia ai quali non possiamo sottrarci. Il primo è che l’atmosfera è prevedibile con sufficiente attendibilità solo sul medio/breve termine, giorni, in casi particolari anche una settimana o dieci giorni, ma poi se si va sul più lungo termine possiamo fornire un’idea, una tendenza generale ma tenendo sempre conto che gl’imprevisti ed i colpi di scena sono dietro l’angolo. La stagione invernale 2018/2019 era iniziata con un Vortice Polare sottotono, addirittura considerato “defunto” prematuramente ad inizio gennaio dopo l’intenso fenomeno di riscaldamento stratosferico (o ESE warm) avvenuto durante il periodo natalizio, poi però, a fine gennaio ed ancor più in febbraio ha ripreso insolitamente vigore, stavolta un raffreddamento stratosferico (o ESE cold) condizionando l’intera prima parte della primavera che ricordiamo su gran parte d’Italia, specie al centro nord, è risultata siccitosa e eccezionalmente mite. Ciò ha avuto pesanti ripercussioni poi anche sul successivo, naturale decadimento del Vortice Polare, avvenuto solo ad aprile, alla fine del periodo di condizionamento dell’ESE cold. Questo naturale decadimento, definito come “riscaldamento finale” (o final warming) dovuto al riscaldamento primaverile per aumentato soleggiamento, è avvenuto in condizioni circolatorie che hanno determinato il posizionamento di un lobo del Vortice Polare verso il cuore dell’Europa con diretto interessamento del mar Mediterraneo centrale. Ciò spiega i due mesi, aprile ed ancor più maggio, con frequenti perturbazioni a carattere freddo sull’Italia. Pian piano questa “anomalia” seguente e dovuta ad una precedente anomalia, rientrerà, anche se probabilmente non in maniera istantanea ma progressiva.

Secondo punto fermo da sottolineare è che proprio in un trend globale che vede un generale riscaldamento dell’atmosfera queste anomalie climatiche diventano più frequenti, estremizzando anche i fenomeni meteorologici che dispongono di più energia sottoforma di calore ed umidità. Chi sostiene che il riscaldamento globale non esiste o che non sia così rapido come stiamo osservando in tutto il mondo solo perché sui settori euro mediterranei centrali sono due mesi che piove e ci sono basse temperature, racconta solo fandonie, per dimostrarlo basta dire che durante la scorsa settimana mentre in Italia nevicava fin sui 400 metri di quota sulla penisola Iberica avevamo temperature massime oltre 36°C e tra Russia settentrionale e Finlandia, oltre in Circolo Polare Artico, temperature ben oltre i 30°C.

Detto questo, torniamo alle ultime notizie, per molti positive, soprattutto per chi attende con ansia un periodo sufficientemente lungo con giornate soleggiate e calde. Le ultime proiezioni dei principali modelli meteorologici a livello globale ci confermano che ancora fino a domenica 26 maggio sull’Italia ed in particolare sull’Umbria avremo ancora molte nubi e frequenti occasioni per piogge a causa del passaggio di due perturbazioni, una più debole tra mercoledì 22 e giovedì 23 maggio, una seconda, più intensa, tra venerdì 24 e sabato 25 maggio, entrambe provenienti, attraverso la Francia, dall’oceano Nord Atlantico.

Sull’Umbria ancora oggi avremo molte nubi con addensamenti e piogge sparse, anche a carattere di rovescio, più frequenti sui settori centro meridionali della regione. Siamo comunque in una fase di miglioramento atmosferico grazie all’allontanamento verso nord est del sistema depressionario arrivato sull’Italia nell’ultimo fine settimana, quindi non è da escludere anche qualche locale schiarita e qualche raggio di sole. Domani martedì 21 maggio la pressione atmosferica aumenterà leggermente, temporaneamente, su gran parte d’Italia, non abbastanza comunque da garantire ovunque condizioni atmosferiche stabili. L’Umbria sarà una di quelle zone dove, soprattutto durante le ore centrali della giornata, sarà presente una residua instabilità atmosferica capace di generare nuvolosità cumuliforme con locali rovesci e temporali. Mercoledì 22 maggio un piccolo impulso, in quota, di aria fresca nord atlantica si sposterà dalla Francia nei pressi della Corsica favorendo la formazione di un centro depressionario secondario sull’alto mar Tirreno con instabilità atmosferica in aumento soprattutto al nord. Sull’Umbria la giornata inizierà probabilmente con il sole poi nubi in aumento con qualche rovescio nel pomeriggio soprattutto sul nord della regione. La piccola perturbazione nella giornata di giovedì 23 maggio si sposterà sopra le regioni centro meridionali alimentando una vivace instabilità atmosferica pomeridiana sulle zone interne del centro sud, Umbria inclusa. Temperature in aumento. Tra venerdì 24 e domenica 26 maggio poi, un secondo e ben più corposo impulso di aria fredda nord atlantica raggiungerà l’Italia proveniente dall’Inghilterra con conseguente formazione di un nuovo centro depressionario sopra la nostra penisola, quindi condizioni instabili o perturbate prima al centro nord poi anche al sud. La perturbazione si allontanerà sulla Grecia nella giornata di lunedì 27 maggio. Sull’Umbria alto rischio rovesci e temporali, giornata più piovosa sabato 25 maggio, domenica 26 maggio tramontana e residue precipitazioni soprattutto in appennino e sud dell’Umbria, temperature in moderato calo.

Da lunedì 27 maggio alta pressione, sole e temperature in deciso aumento probabilmente almeno fino al 2 giugno, nei prossimi giorni vedremo se questa nostra ipotesi verrà confermata

[ARCHIVIO EDITORIALI]

 

EDITORIALE
 
20/05/2019
 
NEWS
 
VIA VAI D’IMPULSI DI ARIA FRESCA IN QUOTA, PRESSIONE ATMOSFERICA CHE FATICHERà A RISALIRE FINO AL 28 MAGGIO
22/05 [ore 9.99 ]
LA PUBBLICITA' CON UMBRIAMETEO E METEOAPPENNINO E' VANTAGGIOSISSIMA
19/05 [ore 9.99 ]
PROSSIMI DUE GIORNI CON UN PO’ DI SOLE, NEL FINE SETTIMANA NUOVA PERTURBAZIONE, TEMPERATURE IN SALITA
16/05 [ore 9.99 ]
 
UmbriaMeteo® - p. iva 02824210542 | Copyright 2000-2011